Sigla! – Black Sails

Avete presente i pirati? Se la prima immagine che vi viene in mente è Capitan Uncino, svestitelo di parruccone e mantello e pucciatelo in un barile di fango e rum. Scordatevi anche l’affascinante gaytudine di Jack Sbarrow, qui parliamo di uomini e donne sporchi e cattivi che si menano e fanno cose tremende. I veri buzzurri, insomma. Roba da Michael Bay. Non è un caso, infatti, se dopo robottoni e apocalissi, il regista più fracassone e tamarro di Hollywood ha deciso di mettersi al servizio della televisione per dirigere il nuovo pirate drama firmato Starz che narra le vicende del Capitano Flint, venti anni prima che questo decida di piazzare il famoso tesoro sull’isola di Robert Louis Stevenson.

Per farlo si è avvalso di una truppa che sa il fatto suo, tra cui spicca anche Bear McCreary, uno dei più grandi compositori americani per serie tv e pellicole. È lui il creatore del tema che accompagna i titoli di testa conferendo ancora più forza a una sequenza di figure barocche e rococò che emergono dal mare scuro per brillare di una bellezza inverosimile. Palesemente ispirato alle sculture di Kris Kuksi, lo studio Imaginary Forces realizza in CGI piccoli capolavori in porcellana dove infuria la battaglia: volti contorti tra l’estati e angoscia, giovani donzelle sedotte dallo spettro della morte e ancora, sangue, lotta, sesso e distruzione. Dirigono il lavoro creativo Karin Fong e Michelle Dougherty.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...